Viticoltura Enologia

Innovazione - Prosecco Metodo Botèn


Il Metodo Botèn® esclude l’utilizzo dei solfiti e dei fermenti industriali LSA

Il Metodo Botèn si propone di ottenere gli eccellenti spumanti di “una volta” con una loro distintiva personalità, espressione dei Cru di pregio di provenienza delle uve.

Si utilizzano ceppi di fermenti vinari indigeni di pregio, in sospensione liquida, col loro patrimonio enzimatico integro, ottenuti per selezione massale, tipici di ciascun gran Cru Botèn.



I “Cru Botèn” sono vigneti vecchi, collocati in zone, che, tradizionalmente, hanno sempre prodotto degli eccellenti spumanti grazie a:
• condizioni pedo-climatiche particolarmente favorevoli
• tradizionali pratiche viticole/agronomiche/enologiche. 

In particolare, la presenza nel vigneto di “sotto prato” stabile, determina, in modo naturale, particolari micro-eco sistemi che, a loro volta, assicurano all’uva di ciascun Cru-Botèn, una tipica microflora vinaria autoctona e di pregio.

Il Meto Botèn ha individuato un insieme originale di pratiche vendemmiali ed enologiche per:
• selezionare i fermenti in modo semplice, veloce ed economico
• crescere detti fermenti
• vinificare con questi fermenti masse importanti di mosti conferendo agli spumanti così ottenuti delle note  organolettiche di pregio, uniche distintive e tipiche degli eccellenti spumanti di “una volta”, ottenuti dalle uve da ciascun Cru Botèn. 


Il Metodo Botèn è brevettato; se volete saperne di più visitate il sito www.metodoboten.com